Sondaggio: Carte tradizionali o elettronica?

Di più
04/02/2015 20:17 - 04/02/2015 20:18 #3394 da alby
alby ha risposto alla discussione Sondaggio: Carte tradizionali o elettronica?
Ciao Mandala,grazie al tuo consiglio, ho provato a scaricare OpenCPN ma vedo che non c'è il Mediterraneo come charts da scaricare.
Possibile? o vedo male io? #°than#°
Ciao BV
Ultima modifica: 04/02/2015 20:18 da alby.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
05/02/2015 07:57 #3395 da Andrea PNF
Andrea PNF ha risposto alla discussione Sondaggio: Carte tradizionali o elettronica?
ciao,

sarebbe da pazzi rifiutarsi di utilizzare gli strumenti che la tecnologia ci offre, ma teniamoci sempre pronti alla navigazione vecchio stile. Io in particolare mi accodo sulla posizione di Gianni e utilizzo le carte soprattutto in fase di pianificazione, poi passo al digitale per il punto nave in navigazione.

Una volta che non ho fatto cosi' stavo andando a sbattere su degli scoglietti sotto il pelo dell'acqua che erano visibili sul GPS solo zoomando tantissimo e che fortunatamente ho evitato all'ultimo. Da allora ho imparato che e' meglio prima vedere il percorso sulle carte e segnarsi le criticita' del percorso, poi passare all' elettronica.

Andrea PNF

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
07/02/2015 12:31 - 07/02/2015 12:34 #3406 da mandala
mandala ha risposto alla discussione Sondaggio: Carte tradizionali o elettronica?
Ciao Alby, scusa il ritardo nella risposta, ma ero in navigazione sulla barca di un amico, un magnifico yole 64' in alluminio (esemplare unico). Non riesco ad allegare foto perché é troppo grande.
Purtroppo il progetto OpenSeaMap non é ancora completo. Per il Mediterraneo sono disponibili solo le carte generali, come puoi vedere qui:
map.openseamap.org/?layers=B0TFTF&zoom=5...0.85705&lon=12.83342
cliccando su "Tools" "Download chart" vengono evidenziate le carte disponibili, che vanno selezionate e scaricate una alla volta nel formato desiderato (kap va benissimo per OpenCPN, sono carte raster).
Per avere carte dettagliate le alternative sono di acquistarle, o copiarle da da qualcuno che ne sia in possesso o fare una ricerca sul Web e scaricare una copia pirata.
Sul Web esiste anche una versione di Cm93 che copre tutto il mondo (dimensione circa 1,54 GB).

Per Andrea.
Nella pianificazione della rotta con OpenCPN io procedo in questo modo:
1) Utilizzando una scala che copra i punti di partenza e di arrivo traccio una rotta di massima;
2) Aumentando lo zoom il più possibile ripercorro la rotta, riposizionando i Waypoints ed eventualmente aggiungendone altri per evitare gli ostacoli che a questo punto diventano ben visibili, zoomando al massimo consentito nelle zone critiche;
3) Solo a questo punto salvo la rotta, che può risultare utile per il ritorno o per future navigazioni.

B.V.
Ultima modifica: 07/02/2015 12:34 da mandala. Motivo: correzioni

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
07/02/2015 12:44 #3407 da Andrea PNF
Andrea PNF ha risposto alla discussione Sondaggio: Carte tradizionali o elettronica?
grazie, Mandala! #°than#° ottimo consiglio,
BV a te

Andrea PNF

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
05/02/2016 14:01 #3770 da Anacleto2
Anacleto2 ha risposto alla discussione Sondaggio: Carte tradizionali o elettronica?
Scusate se scrivo a distanza di più di un anno. Ma se qualcuno come me si fosse iscritto da poco al forum e volesse saperne qualcosa di più su un argomento così importante, mi piacerebbe trovare ogni contributo possibile. Così do il mio. Io sono pienamente d'accordo con Mandala. Anzi sono più realista del re. Da quando ho scaricato Navionics sul mio tablet, ho smontato il tavolo da carteggio e messo in cantina cartine, compassi e squadrette. Con poco rimpianto per il lato "romantico" dell'andar per mare stile Master e Commander. Navionics, al costo di una sessantina di euro, ti scarica l'intero mondo, completo di portolano, commenti sui porti da parte degli utenti, numeri utili, compresi quelli di ristoranti, pizzerie, meccanici a terra. Puoi tracciare rotte con un semplice gesto del dito, che ti dà direzione da seguire, distanze e ETA, correggere la rotta in tempo reale e vedere dove ti stai dirigendo in ogni momento. E se arriva il fulmine o ti viene addosso un container, come in "All is Lost" con Robert Redford, e ti va in pappa l'impianto elettrico? Innanzitutto ogni tablet o iphone - ammesso che anche le due batterie da 100 ampere che ho a bordo dovessero spappolarsi - ha un'autonomia di più di 24 ore. Mettiamo 12 se uso il GPS. Ne tengo accesso uno per volta ed ecco che ho almeno 2 giorni di autonomia di segnale. Poi non è detto che debba tenerlo acceso per tutto il tempo. Ogni mezzora accendo un qualsiasi smartphone o tablet a bordo e mi prendo le coordinate, che poi leggo sul tablet, guardo che rotta devo tenere e la mantengo con la bussola di rilevamento. In più, per una ventina di euro, ho sempre a bordo un caricabatterie da smartphone/tablet, sempre carico. Ad abundantiam ho a bordo un vecchio GPS non cartografico. Insomma, salvo che non debba attraversare il Pacifico, con questo sistema posso tranquillamente arrivare alla costa più vicina che, ovunque mi trovi nel Mediterraneo, non è più distante di 12/24 ore, In tutta sicurezza e pienamente consapevole di dove sono, dove sto andando e quanta profondità c'é sotto di me. Il giorno che vorrò ripercorrere le gesta di Moitessier e navigare anche senza bussola, ma passare Capo Horn orientandomi con la direzione del vento e delle nuvole e delle stelle e del sole...mi renderò conto che è il 2016 e sarebbe sciocco rischiare tutto per essere un "romantico". Un chiarimento: il fatto che i satelliti USA vengono "starati" durante i conflitti è una leggenda metropolitana. Parola di addetto ai lavori. Ormai tutto il mondo si muove col GPS, compreso esercito, marina e aeronautica americana. E non metterebbero a rischio qualche milionata di aerei e navi per non dare al nemico la propria (quella del nemico) esatta posizione. E poi molti dei satelliti che utilizziamo ormai sono anche europei, cinesi e giapponesi. Perciò pure oscurando il Global Position System, il nemico potrebbe utilizzare i satelliti di altri paesi senza grandi difficoltà. Quindi massima sicurezza di posizione in ogni momento. 60 euro e tolta la paura. Tutti i miei amici, ormai, hanno abbandonato le cartine a casa e, se ce l'hanno a bordo, non le guardano mai. Qualche "purista" inorridirà. Ma, per quanto mi riguarda, Navioncs for ever!!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: mandala
Tempo creazione pagina: 0.371 secondi
Powered by Forum Kunena