vivere su un ec17 e similari?

  • Golconda
  • Avatar di Golconda Autore della discussione
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
Di più
06/08/2016 08:33 #3958 da Golconda
Golconda ha creato la discussione vivere su un ec17 e similari?
Avrei intenzione di mollare tutto e mettermi a fare il vagabondo/eremita/cazzaro. È un progetto che ho da diversi anni e non ho alcuna difficoltà di adattamento, girerei il mondo in macchina o in moto se avessi la disponibilità finanziaria necessaria a pagare il carburante.
Da qui l'idea della barca, che anche nei modelli di dimensioni ridotte offre abitabilità decisamente migliore di un'auto o un pickup, e va senza quasi bisogno di benzina!
Ho 29 anni e non ho alcuna intenzione di aspettare una pensione che (forse) arriverà tra mezzo secolo, quindi il mio principale problema sono i costi, che devono essere ridotti all'osso.
Non sono interessato all'estetica (trovo la bellezza nella funzionalità) ma mi chiedo se una barca di 5 mt sia strutturalmente adatta a stare in acqua e fuori dai porti per tutto l'anno, salvo quando fa carena. Il tipo di navigazione che farei è quello strettamente sottocosta e senza alcuna fretta, muovendomi quando le condizioni lo permettono e potendo stare anche dei mesi nella stessa baia.
Le barchette sotto gli 8 mt con cabina di poppa mi ispirano particolarmente (fino alla fine del liceo ho sempre fatto un mese di crociera all'anno coi genitori, prima su un tortuga 27 e poi su un nauticat 33) potendo essere facilmente divise in zona giorno e notte, ma visto che qui in Italia sono particolarmente rare dovrò andare su un design più comune ma che forse mi permette di ridurre la lunghezza complessiva e quindi i costi di alaggio e manutenzione generale.

Con queste premesse secondo voi su quale modello dovrei orientarmi? La deriva mobile abbatte i costi di alaggio e permette di ancorarsi molto più all'interno nelle baie (quindi si è più riparati) ma quanto pregiudica la navigazione? Quanto picchia il freddo in inverno su queste barche? Mi prefiguro una vita da punkabbestia (senza manco il cane, costa troppo) e sono pronto a scaldarmi col mattone sul fornello, ma se volessi farmi una doccia tiepida in rada quando all'esterno ci sono, chessò, dieci gradi come potrei fare senza dover installare roba troppo complicata che si tradurrà in manutenzione e quindi costi? Lo scafo in acciaio (che dicono essere tipico dei vagabondi) che vantaggi ha rispetto alla vtr se entrambi hanno bisogno dell'antiveg con la stessa cadenza?

Grazie dell'attenzione!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
07/08/2016 11:16 #3959 da mandala
mandala ha risposto alla discussione vivere su un ec17 e similari?
Innanzitutto benvenuto nel Forum!
Posso capire la tua voglia di mollare tutto e di vivere a bordo di una barca a vela, vivendo di lavoretti saltuari e spostandoti quando ne hai voglia, ma ritengo una barca di soli 5x2 m (sprovvista di cucina,frigo e WC) troppo piccola per poterci vivere.
Secondo me dovresti orientarti su qualcosa intorno ai 25' (~7.50 m), dotata di motore entrobordo, di un minimo di spazio vivibile e di comodità. Inoltre ti consentirebbe navigazioni più impegnative.
Vivo da più di 10 anni sul mio 38' e ti garantisco (malgrado sia prevalentemente solo e mi sia ripromesso di non abbandonare più la fascia tropicale e perciò l' abbigliamento ridotto al minimo) che lo spazio all' interno è veramente poco.
Per vivere costantemente a bordo necessiti inoltre di un parco batterie maggiorato e di opportuni sistemi di ricarica (pannelli solari e eolico).
Più che su un deriva mobile nel tuo caso mi orienterei su un modello bichiglia: il vantaggio è che (ovviamente in presenza di maree adeguate) puoi spiaggiarti e fare carena approfittando della bassa marea.
Purtroppo nel Mediterraneo di ridossi veramente riparati ne esistono pochi e sono occupati da campi boa a pagamento, pertanto in caso di traversia è giocoforza entrare in marina, coi relativi costi.
Per il periodo invernale, considerando che le coste Sud del Mediterraneo sono ormai escluse, non ti resta che coibentare bene lo scafo e installare una stufetta (a gas a kerosene) rigorosamente con camino e presa d' aria esterna.
Un buon gommone a chiglia rigida (anche se trovargli posto in navigazione diventa un problema) mi pare indispensabile.
B.V.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
08/08/2016 08:08 #3960 da akab
akab ha risposto alla discussione vivere su un ec17 e similari?
Ciao :) Sono daccordo su tutto quello che dice Mandala.In passato ho fatto questa vita per qualche anno, poi per motivi di famiglia sono stato costretto ad abbandonarla e vendere la barca ma c'è un proverbio che gira sulla rete che descrive perfettamente la situazione: "chi si bagna con l'acqua salata non può asciugarsi piu !" ... Sacrosanto. Ed eccomi al punto. In quegli anni vivevo su uno splendido "New ranger". Chiglia lunga, forse un po lento per l'adriatico (il mio mare) , è una barca che tira fuori il meglio di se e la sua incredibile bellezza con mare formato e vento. Ha un'abitabilità che non ho visto su molte barche di 10 metri!!!! (il new ranger è un 29") Se ti capita ti consiglio caldamente di vederne uno, soprattutto nella versione 'mako sailer' (quella che avevo io) gli interni sono straordinariamente belli.
Adesso, dopo 5 lunghissimi anni ..., ho acquistato per pochi soldi una barca di 6,40 m. ... Che dire, io da come ti descrivi, sono molto simile a te per cui, per ora, riesco ad adattarmi, ma il problema più grosso è che su barche di queste dimensioni non ci stai in piedi dentro e comunque sono molto leggere per fare in sicurezza quello che ci dici di voler fare. Il consiglio che posso darti è di pazientare un po e magari prendere in considerazione una barca tosta, stabile e possibilmente a chiglia lunga. Non ci sono ormai in giro molti new rangers, ma per il rapporto qualità-prezzo te la raccomando davvero, le poche che ho visto in vendita sulla rete in questo periodo le prendi a circa 10.000 euro. Nel caso poi ti dovesse servire non esitare a contattarmi. Conosco questa barca come se l'avessi costruita io... sul serio... l'ho amata in un nodo smisurato e, come puoi immaginare, appartengo alla lunga schiera della "gente normale" ... Quella che nn potrà quasi mai permettersi un cantiere :( . ma il vantaggio è che per il lavori che mi son fatto da me questa barca davvero la conosco più delle scarpe che porto...
Buon vento ed auguri per tutto, di cuore.
ciao

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: mandala
Tempo creazione pagina: 0.380 secondi
Powered by Forum Kunena