Unico velista in barca.Vacanza Si o Vacanza No?

  • spartacali71
  • Avatar di spartacali71 Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Di più
19/06/2017 07:31 - 19/06/2017 07:39 #4322 da spartacali71
spartacali71 ha creato la discussione Unico velista in barca.Vacanza Si o Vacanza No?
Senza essere dei grandi fenomeni ma usando sempre una bella dose di umiltà, in base alla vostra esperienza di velisti navigatori ecc...., quanto in grado oppure quanto vi sentireste sicuri di portare in barca con voi altre persone (1/2/3 coppie) per fare una vacanza in Adriatico nel Tirreno oppure nel mare Greco, nell'Egeo non avendo queste ultime nessuna esperienza di navigazione e tanto meno di vela.
Ve la sentireste? Oppure no? E quali soluzioni in caso adottereste per fare comunque la vacanza in barca.
Attendo le vostre considerazioni ;)
Ultima modifica: 19/06/2017 07:39 da spartacali71.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
19/06/2017 21:51 #4324 da mandala
mandala ha risposto alla discussione Unico velista in barca.Vacanza Si o Vacanza No?
Analizzerei la cosa sotto due aspetti:
- La capacita/esperienza dello skipper: deve avere esperienza di navigazione a vela in solitario, anche solo su brevi tratte diurne, nonché una sufficiente fiducia in sé stesso.
- L' attrezzatura della barca: indispensabile che la randa possa essere ridotta da un' unica posizione (in pozzetto se dispone di rullaranda o terzaroli automatici, all' albero per sistema tradizionale) e disponga di pilota automatico (impensabile affidare il timone ad un inesperto per andare all' albero per ridurre la randda per un rinforzo del vento). Le manovre di issata/ammainata/terzaroli vanno eseguite tassativamente a motore (velocità minima per governare), prua al vento e pilota automatico.

Imperativo che lo skipper curi al massimo la propria sicurezza: è il solo in grado di portare in porto l' imbarcazione.
Istruire, prima della partenza, tutti gli ospiti sull' uso del VHF e del GPS per trasmettere un mayday dando la propria posizione; mostrare inoltre come eseguire un' ammainata d'emergenza della randa e rullare il genoa: la barca deve spostarsi il meno possibile una volta lanciato il mayday.
Seguono le normali istruzioni per l' uso del WC (meglio predisporre un sacchetto per carta igienica ed eventuali assorbenti: gli interventi su tubazioni/pompe intasati sono oltremodo antipatici), apertura/chiusura di prese e scarichi a mare, per il risparmio d' acqua e di corrente.

Passiamo ai crocieristi: parli di 1,2,3 coppie. Anche se un 33' di costruzione recente dispone di 3 cabine ed ha una capacità (teorica) di 8 o più posti letto, nella realtà gli spazi in pozzetto e a tavola risultano piuttosto ridotti.
Possiamo dire che 7 persone su un 33' possono convivere più o meno pacificamente per non più di una settimana facendo brevi tratte diurne, panini a pranzo e cena al ristorante.
Per crociere superiori alle due settimane e navigazioni più impegnative consiglierei un 33' per 3 persone, un 38/40' per 5 ed un 43/45' per 7, anche se quest' ultima risulta piuttosto impegnativa per essere governata da una persona sola.

B.V.
Ringraziano per il messaggio: spartacali71

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: mandala
Tempo creazione pagina: 0.136 secondi
Powered by Forum Kunena