Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo

  • rossanorossella85
  • Avatar di rossanorossella85 Autore della discussione
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
Di più
03/08/2015 13:36 #3649 da rossanorossella85
rossanorossella85 ha creato la discussione Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo
Ciao a tutti,
sono Rossano da Roma, appassionato di mare e viaggi, purtroppo sinora non ho avuto la possibilità di approfondire quanto avrei voluto la mia passione per la vela e le mie esperienze si limitano ogni anno ad una crociera di 2/3 settimane nel mediterraneo, in totale ne avrò fatte una decina cercando di divertirmi ed apprendere più cose possibili ma sono ancora un super neofita...
Bene, a questo punto della mia vita sono determinato a dare una decisa accellerata al mio mondo della vela e recuperare il tempo perduto; Per una favorevole contingenza lavorativa sia io che mia moglie tra un po di mesi avremmo l'opportunità di prenderci il classico anno sabbatico e abbiamo convenuto di trascorrerlo insieme, prima di allargare la famiglia, in giro per il mondo sulla nostra barca, che però ancora non abbiamo...
La tipologia della barca è già decisa, sarà un catamarano dato che mia moglie non sopporta il rollio dei monoscafo, la prima crociera insieme 3 anni fa su un monoscafo è stata, dal suo punto di vista, un disastro, i due anni successivi abbiamo replicato entrambi gli anni su un catamarano e lei è rimasta entusiasta della stabilità e della comodità di questo tipo di imbarcazione; dato il budget limitato ci orienteremo su un 38/40 piedi ovviamente usato. Ho visto che per esempio il Lagoon 38 si trova a costi per noi abbordabili, oltretutto è proprio il modello che abbiamo usato insieme in una crociera e ci è piaciuto, comunque se avete consigli su modelli alternativi ben vengano..
Veniamo ai dubbi che ho: dovendo atttrezzarlo per almeno una traversata oceanica dovendo quindi affrontare lavori migliorativi anche pesanti non so se convenga orientarsi su un modello del 2002 che ho trovato a 120.000 euro o su un modello del 2006/2007 che però non si trova a meno di 160/170.000 euro, sto valutando che dovendo spenderci comunque sopra bei soldi per i lavori sia su quello più vecchio che su quello più nuovo forse conviene orientarsi su quello più vecchio ed economico, tirarlo in secca in un cantiere e revisionarlo completamente destinando i soldi risparmiati all'atto dell'acquisto per eseguire più lavori: quali lavori dovrei sicuramente affrontare per traversate oceaniche? Vele nuove? Revisione o sostituzione dei motori? Sostituzione perse a mare? Sostituzione di tutto il sartiame? drizze e scotte? Generatore? Quale elettronica è indispensabile avere a bordo? Batterie nuove e di quale capacità? Pannelli fotovoltaici e di quale potenza totale? Elica immersa per generatore? Pilota automatico o a vento? Radar? Dissalatore: quale tipo e di che capacità? Quante e quali àncore da tenere a bordo e quanta catena? Sistemi di comunicazione? Il tender ideale? ecc. ecc.
Altri dubbi relativi agli aspetti fiscali e burocratici: quale bandiera conviene adottare? Leggo spesso sugli annunci economici il prezzo e poi la dicitura "tasse escluse" e presumo sia l'Iva non pagata, acquistando la barca usata all'estero in uno stato extra europeo, quale aliquota Iva va pagata ed in base a cosa per esempio se dovessi mantenere la bandiera di un paese extra europeo?
Scusate per le domande da neofita e che forse a molti di voi sembreranno banali e grazie a chi vorrà darmi i suoi consigli

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
03/08/2015 14:03 #3650 da gianni
gianni ha risposto alla discussione Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo
Questa è una domanda per Mandala ;-) . Aspettiamo un suo consiglio (Y)
Ciao Gianni

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
03/08/2015 21:55 #3662 da mandala
mandala ha risposto alla discussione Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo
Per un giro del mondo sono contrario ad un catamarano.
A mio parere la barca ideale per lunghe navigazioni è un monoscafo a dislocamento pesante, di costruzione robusta, sartiame e albero sovradimensionati.
Il catamarano ha innegabili doti di abitabilità e stabilità (almeno in condizioni di vento normale).
I contro si scoprono solo durante le lunghe navigazioni, quando il maltempo non si può evitare rimanendo tranquillamente in porto: affrontare una burrasca è veramente un' odissea!
La piattaforma che unisce i due scarponi (e forma il pavimento del salone) è troppo bassa sull' acqua e con onda ripida riceve un colpo dal basso. Prima che venissero di moda per il diporto erano due semplici scafi affusolati uniti da 2 traverse e la superficie calpestabile era costituita da trampolini di rete, che offrivano all' onda una superficie quasi nulla.
Per prendere correttamente una mano di terzaroli bisogna salire sul tetto del salone (dove peraltro non ci sono tientibene!). Esclusione tassativa di un rullaranda: quando veramente servirebbe ha un' innata tendenza a bloccarsi (soprattutto se la vela è un po' usata ed ha perso un po' la forma).
L' assenza di paterazzo rende l' albero più soggetto a rotture rispetto ad un monoscafo.
In presenza di venti di burrasca la superficie esposta al vento è troppo grande: anche a secco di vele lo scafo inizia a planare ad una velocità almeno doppia a quella delle onde, per cui ci si trova a discenderle dal lato ripido (stiamo parlando di onde di 10 o più metri). Nel malaugurato caso di ingavonamento in fondo alla discesa il risultato è catastrofico: capottamento in avanti!
Sempre in caso di burrasca il pozzetto troppo ampio non offre alcun appiglio.
Il metodo di costruzione della barca fa si che il punto debole dello scafo sia l' unione della piattaforma con gli scarponi. Nel caso di acquisto di un usato occorre esaminare attentamente (con lente d' ingrandimento) tale unione, sia dall' esterno che dall' interno, per escludere microfratture della struttura.
Per quanto riguarda la strumentazione di bordo mi riprometto di pubblicare prossimamente un post dedicato.
B.V.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • rossanorossella85
  • Avatar di rossanorossella85 Autore della discussione
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
Di più
04/08/2015 05:07 #3663 da rossanorossella85
rossanorossella85 ha risposto alla discussione Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo
Ciao Mandala e grazie per la risposta, condivido quello che dici infatti sono fermamente determinato ad intervenire pesantemente sulla barca che comprerò per renderla più affidabile possibile, purtroppo sulla tipologia non ho alcun potere contrattuale: o catamarano o parto da solo :lol:
Comunque non abbiamo alcuna intenzione di affrontare condizioni meteo impegnative, saremmo sempre nella fascia tropicale con gli alisei a favore, attenti alle previsioni meteo

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
04/08/2015 11:30 #3664 da mandala
mandala ha risposto alla discussione Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo
Cosa intendi per "intervenire pesantemente"? Ogni eventuale intervento di rinforzo aggiungerà inevitabilmente peso, pregiudicando la navigabilità!
I motivi che ti ho citato sono solo i principali.
Potrei aggiungere la fragilità intrinseca degli scafi: per mantenere, necessariamente, un dislocamento leggero la maggior parte sono in sandwich (i più vecchi di balsa, i più recenti usano schiuma compatta) ed interventi per rinforzare la struttura sono praticamente impossibili! Basta osservare gli scafi quasi di fronte con un' illuminazione radente per vedere gli avvallamenti nella superficie, naturalmente più evidente col passare del tempo.
Altro problema la scarsa attitudine alla bolina: anche se gli strumenti del vento mostrano un angolo minimo di bolina (col vento apparente) intorno ai 40° in realtà molto difficilmente si arriva a 60° col vento reale, a causa dello scarroccio dovuto alla spinta del vento sull' opera morta.
Per quanto riguarda le previsioni meteo quanto dici è valido per la navigazione costiera: sono pienamente affidabili per le prossime 48 ore, poi la precisione diminuisce; in ogni caso fenomeni locali anche di forte intensità non sono previsibili. L' ultimo capottamento di catamarano di cui ho notizia si è verificato nel maggio scorso durante la traversata di ritorno da St. Martin verso le Azzorre; l' equipaggio era formato da una coppia con 2 bambini e purtroppo, nonostante fossero dotati di radiosegnalatori individuali ed il pronto intervento dei soccorsi, la bambina è deceduta per ipotermia bordo della nave di soccorso.
Dovendo affrontare almeno 2 settimane di navigazione durante le traversate sarai obbligato a subire il maltempo che arriverà. Anche nella buona stagione (dicembre-maggio) nei Caraibi i bollettini meteo locali segnalano quasi giornalmente "temporali isolati": sono groppi che si formano all' improvviso con raffiche violente ed acquazzoni che riducono la visibilità a pochi metri.
Un altro problema è costituito dall' assetto: a serbatoi pieni, come si conviene alla partenza per una traversata, la maggior parte dei catamarani risulta appruato, con conseguente tendenza all' ingavonamento.
Per quanto riguarda l' ancora un catamarano è provvisto di un musone singolo situato sotto la traversa di prua, con salpaancore e pozzetto catena al centro, davanti la finestratura del salone. Un cavo tessile a Y, con due estremità fissate a prua degli scafi e la terza provvista di apposito gancio da posizionare sulla catena una volta filata la lunghezza desiderata completano il tutto. Non è previsto l' uso di una seconda ancora.
Sono forse un po' cinico, ma con una compagna del genere rischi di fermarti subito dopo Gibilterra (se ci arrivi, visto che il Golfo del Leone non é uno dei mari più facili e naturalmente intraprenderai una navigazione costiera per non rimanere a corto di previsioni meteo).
Le burrasche fanno parte della vita a bordo e la soluzione non è di evitarle ma di saperle affrontare (soprattutto a bordo di un natante adatto).
B.V.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • rossanorossella85
  • Avatar di rossanorossella85 Autore della discussione
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
Di più
04/08/2015 13:24 #3665 da rossanorossella85
rossanorossella85 ha risposto alla discussione Consiglio per scelta di un catamarano da giro del mondo
Grazie dei consigli,
con la frase "intervenire pesantemente" non intendevo dire che vorrei modificare la struttura originale ma solo sostituire tutto ciò che è consigliabile sostituire e migliorare tutto ciò che è saggio migliorare e questo era il senso della mia richiesta di aiuto, cercando di stilare una sorta di lista di interventi da eseguire; poi non vorrei innescare la solita guerra di religione tra monoscafi e catamarani, per quanto riguarda la scelta di affrontare gli oceani a bordo di un catamarano farò come tutti gli altri che lo hanno fatto prima di me, confidando nella meticolosità della messa a punto e nella prudenza delle scelte, ci sono tanti esempi di navigatori su doppio scafo che hanno fatto giri del mondo andati a buon fine senza alcun problema, una coppia di amici toscani con la loro bambina che quando sono partiti aveva 3 anni ha fatto il giro del mondo rimanendo in barca più di 4 anni a bordo di un Privilege 37, sulla rete digitando "giro del mondo in catamarano" si trovano decine di storie di equipaggi che stanno facendo o hanno già fatto la circumnavigazione a bordo di catamarani ed ogni anno alla partenza della ARC si possono contare decine di catamarani che vi prendono parte e concludono senza problemi la traversata atlantica, d'altra parte non intando doppiare i capi, ne spingermi nell'area dei Quaranta ruggenti e dei Cinquanta urlantii, ed eviterò accuratamente di bolinare... suvvia siamo ottimisti #°thumb

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.183 secondi
Powered by Forum Kunena